­
  • NSL

    NSL

  • La NSL nel 2016

    La NSL nel 2016

  • NSL nel 1987

    NSL nel 1987

  • Quando la piscina si chiamava ancora lago...

    Quando la piscina si chiamava ancora lago...

  • NSL negli anni 80

    NSL negli anni 80

  • NSL negli anni 80

    NSL negli anni 80

  • NSL durante la costruzione della piscina coperta

    NSL durante la costruzione della piscina coperta

  • NSL nel 1944

    NSL nel 1944

  • Nuoto Sport Locarno nel 2011

    Nuoto Sport Locarno nel 2011

  • Il gruppo NSL negli anni 1964-65

    Il gruppo NSL negli anni 1964-65

  • A Lugano nel 1949

    A Lugano nel 1949

Rapporto del Presidente

Stagione 2009/2010

Il primo obbiettivo era quello di riorganizzare i compiti in seno al comitato, soprattutto per quanto riguarda la logistica, i contatti con il CST e gestione spazi acqua, il miglioramento della comunicazione tra comitato e Comitato Tecnico e lo sponsoring. Questi settori funzionano ora molto bene, ciò che a portato tra l’altro ad un miglioramento tangibile dei rapporti con il CST. Anche i rapporti tra comitato e commissione tecnica sono ora più efficaci.

Il secondo obbiettivo era il miglioramento della comunicazione verso i terzi, in particolare CST,CBR, Comuni e genitori.

Come già detto la collaborazione con il CST è ora molto buona, e per questo si ringrazia il direttore Bixio Caprara e tutti i suoi collaboratori, in particolare Claudia Panico che rappresenta per noi una figura di riferimento preziosa e molto efficiente.

I rapporti con la CBR sono pure migliorati, siamo infatti riusciti ad ottenere la collaborazione della piscina del Lido per i periodo di chiusura del CST e abbiamo potuto usufruire delle vasche del Lido sia ad aprile che a settembre grazie al direttore Christophe Pellandini.

Per quanto riguarda la collaborazione per corsi di nuoto, la NSL mette unicamente a disposizione i monitori ma non ha voce in capitolo in merito all’organizzazione dei corsi e la gestione dei gruppi.

La situazione rapporti NSL e Comuni non è ancora soddisfacente; durante la scorsa stagione abbiamo avuto dapprima una riunione con i capo dicastero di alcuni Comuni del Locarnese, e siamo poi stati ricevuti singolarmente da altri Municipi. Il convivio dei sindaci del Locarnese aveva promesso di occuparsi della nostra problematica, ma finora nulla si è ancora mosso. Aspettiamo con fiducia una risposta da parte loro.

Abbiamo pure lavorato intensamente per migliorare la comunicazione con i genitori, organizzando delle riunioni informative regolari per tutti i gruppi di allenamento, e ci sforziamo di far arrivare per tempo tutte le comunicazioni riguardanti l’attività agonistica e gli allenamenti, per il tramite del nostro sito internet, di messaggi di posta elettronica, di comunicazioni scritte consegnate ai nuotatori, o in caso di informazioni importanti anche per posta. Purtroppo non è sempre possibile informare le famiglie a tempo debito, soprattutto quando si tratta di modifiche di orari indipendenti dalla nostra volontà e comunicateci all’ultimo momento, come successo ad esempio per la settimana corrente.

La comunicazione genitori – nuotatori – allenatori è senz’altro ancora da migliorare, e a questo stiamo lavorando; sarà uno degli obbiettivi principali della prossima stagione.

La Presidente sottolinea con piacere il fatto che quest’anno siamo riusciti ad uscire dalle cifre rosse, seppure di poco. Per questo risultato ringrazia

-Tutti gli sponsor, in particolare l’Ofima SA per il suo importante sostegno, i Comuni di Minusio, Brissago, Verscio, Cavigliano e Tegna per il loro contributo annuo, e tutti gli altri sponsor che hanno contribuito in qualche modo al finanziamento della nostra attività

-Tutti coloro che hanno reso possibile lo svolgimento del Meeting del Verbano, che sta assumendo una dimensione internazionale e che forse in un prossimo futuro sarà riconosciuta dalla LEN. Un grazie particolare al gruppo ricreativo e agli organizzatori delle buvette per il loro enorme lavoro

-La responsabile della Sezione Corsi di Nuoto , Pascale De Marchi, per l’ottimo lavoro svolto nell’organizzazione e amministrazione dei corsi a Tenero, Minusio, Ascona, e da quest’anno anche a Brissago

La Presidente ricorda poi che uno degli scopi principali del sodalizio è anche quello di rafforzare l’aspetto sociale delle attività. Ricorda che durante la passata stagione molte sono state le attività non agonistiche finalizzate a questo scopo, in particolare:

-La festa di Natale alla piscina del CST

-La Stranociada, per la quale ringrazia tutti coloro che hanno collaborato prima, durante e dopo la manifestazione, ed in particolare la famiglia Odermatt e Claes Rydman.

-Il campo d’allenamento per il gruppo agonistico, per il quale ringrazia la famiglia Ponti, oltre naturalmente l’allenatore Alex Pugni.

-Il Criterium, e qui si ringraziano Gilda, Daniele, Simone e Riccardo per aver condotto in modo ottimale la trasferta anche in assenza di Massimo, che era stato chiamato dalla squadra Nazionale per accompagnare la rappresentanza svizzera, tra qui la nostra Anais, ai campionati europei giovanili in Finlandia.

-L’uscita a Cervia, per la quale ringrazia Desi Sblendorio per aver organizzato la trasferta in modo impeccabile e per aver amministrato il gruppo sul posto.

-La partecipazione alla Corsa della Speranza a Lugano

-Il tesseramento per la NSL di Ivana Gabrilo, che porterà il nome della società alle gare nazionali ed internazionali.

La Presidente ringrazia infine tutte le persone che con il loro aiuto rendono possibile tutte le manifestazioni organizzate dalla NSL, ed in particolare Luca Bacchetta per il suo insostituibile impegno nel settore del cronometraggio e nella gestione del materiale elettronico.

 

Per quanto riguarda la stagione 2010/2011, gli obbiettivi principali sono i seguenti:

-Consolidare la situazione finanziaria

-Organizzare nel migliore dei modi il Campionato Svizzero Giovanile

-Mantenere le uscite di Salò e Cervia

-Rinnovare la tenuta della squadra

-Rinnovare il sito internet

-Avviare la collaborazione con l’Acquatic Ticino Muralto

-Ottimizzare il flusso delle comunicazione, con un esortazione a tutte le parti a voler chiedere in caso di dubbi.

-Ritornare sulla questione dell’aiuto da parte dei Comuni

 

 

Cavalli-Willems Yvonne

 

­